Come cambiamo espressione dopo tre bicchieri di vino

Come cambiamo espressione dopo tre bicchieri di vino

935
SHARE
Selfie tra ragazze

Il vino ci rende più felici? Sembrerebbe proprio di sì, almeno stando alle espressioni che illuminano la faccia di chi si è concesso uno, due e poi tre bicchieri di vino: le ha immortalate in una sorta di “esperimento sociale”, un talentuoso fotografo brasiliano, Marcos Alberti, nel suo progetto “3 Taças Depois – Tre bicchieri dopo”.

Un lavoro nato quasi come uno scherzo tra amici e ispirato dalla frase: “Il primo bicchiere di vino è per accompagnare il cibo, il secondo è per l’amore, mentre il terzo bicchiere è per la confusione”.

L’idea di Alberti è davvero molto semplice, ma allo stesso efficace: ogni soggetto viene fotografato quattro volte nello stesso posto e nella stessa posa. Tra uno scatto e l’altro, però, c’è una differenza sostanziale: il numero di bicchieri di vino bevuto (0, 1, 2, 3) dal lui o dalla lei di turno.

Il risultato è davvero sorprendente! Sebbene nulla sembri accomunare i protagonisti delle foto di Alberti diversi tra loro per età, sesso, razza e look, dal secondo al quarto scatto (quindi dal primo al terzo bicchiere di vino) tutti reagiscono allo stesso modo: lo sguardo si distende, la faccia si rilassa, un sorriso si allarga da guancia a guancia, la mente si libera da pensieri o preoccupazioni.

E voi, avete mai fatto caso a che faccia avete dopo 3 bicchieri di vino?

Tre bicchieri dopoFoto di Marcos Alberti