Coda alla vaccinara: la ricetta romana

Coda alla vaccinara: la ricetta romana

129
SHARE
coda

La coda alla vaccinara è un’antica ricetta tradizionale romana. Un tempo la coda del bue era considerata adatta solo alla povera gente; oggi, invece, proprio come è successo con le aragoste e le ostriche, è diventata una prelibatezza che si trova nelle trattorie di lusso!

Ingredienti
1kg o 1,5kg di coda di manzo
100g di lardo di maiale
Olio d’oliva
2 cipolle tritate
2 gambi di sedano tritati
4 carote tritate
3 mazzetti di prezzemolo fresco tritato
600ml di vino rosso
50g di funghi porcini secchi
2 cucchiai di burro
4 cucchiai di fecola di patate
Sale e pepe qb

Preparazione
Scalda 120ml di olio d’oliva in una padella larga, taglia il lardo di maiale a strisce sottili e poi saltale insieme alle cipolle, il sedano, le carote e il prezzemolo e ai pezzi di coda di manzo. Condisci con sale e pepe, aggiungi il vino, poi copri e fai cuocere a fuoco basso fino a quando le verdure si ammorbidiscono e il vino sfuma. Aggiungi dell’acqua e richiudi la padella, quindi lascia il tutto a stufare a fuoco lento per 2 o 3 ore. Nel frattempo, immergi in acqua calda i funghi secchi per circa 30 minuti, quindi scalda 60ml di olio d’oliva in una casseruola e fai rosolare i funghi per qualche minuto.

Unisci il burro e la fecola di patate fino a ottenere un impasto omogeneo, quindi aggiungilo allo stufato nella padella e mescola bene continuando a cuocere fino a quando la salsa non si addensa. Con l’aiuto di un cucchiaio elimina di tanto in tanto il grasso in eccesso, poi aggiungi i funghi e cuoci ancora per qualche minuto. Servilo ben caldo con un contorno di patate lesse.

Abbinamento con il vino: Vino Nobile di Montepulciano

Vino Nobile di Montepulciano Riserva – D.O.C.G.
23,20 €