Chi consuma più vino al mondo?

Chi consuma più vino al mondo?

883
SHARE
ragazzi che bevono vino

Si sta verificando una vera e propria rivoluzione nel mondo del vino: parola di Coldiretti che ha certificato una evoluzione delle abitudini di consumo a livello globale tale da portare in testa nella classifica dei paesi maggiori consumatori di vino gli Stati Uniti (+1%). Una novità assoluta, così come il resto del podio composto dalla Francia (-1,2%) e dalla Germania (+1,1%) che raggiunge l’Italia dove quest’anno il consumo segna una crescita più moderata, che si attesta sullo 0,3%.

I 30,1 milioni di ettolitri che hanno riempito i bicchieri a stelle e strisce, rendono ufficialmente gli Usa il paese al mondo che apprezza di più il vino, bevanda scelta sempre più volentieri dagli americani, specie quando si tratta di etichette di qualità certificata e di origine geografica controllata come possono essere il Chianti o il Brunello di Montalcino.

Eppure, se anche nel consumo l’Italia scende dal podio, non si può certo dire che gli italiani abbiano smesso di apprezzare il loro vino: i numeri, certificano, anzi, un settore vitivinicolo estremamente vivace specie per quel che riguarda la produzione. Il made in Italy continua ad essere al top su scala mondiale con 49,5 milioni di ettolitri, quantità che fanno impallidire anche la Francia.

Incrociando questi numeri con quelli del consumo, allora, ci si accorge di un aspetto molto interessante: a spingere la produzione italiana, non c’è solo il mercato interno, anzi! Il prodotto della viticoltura italiana vende molto anche all’estero, e ha raggiunto record storici con una crescita del 5%, trainata soprattutto proprio dalle preferenze del mercato Usa: basti pensare che solo negli States il valore delle esportazioni è cresciuto del 13%!

Merito della globalizzazione e dell’indiscussa qualità del vino italiano che è ormai sinonimo di prestigio e gusto in tutto il mondo.