Cosa abbinare con i dolci di Carnevale

Cosa abbinare con i dolci di Carnevale

574
SHARE
carnevale

A Carnevale ogni dolce vale, parafrasando il vecchio proverbio. Sì, perché i giorni in cui si festeggia con maschere e coriandoli, sono anche quelli in cui la cucina è protagonista proprio grazie ai dolci: sono tante le ricette, e le loro varianti regionali, con cui imbandire le nostre tavole. Vediamone qualcuna:

Le Chiacchiere – Dette anche Frappe, tipiche del centro-sud Italia, sono semplici e gustose strisce di pasta all’uovo, fritte (o al forno, per i più salutisti) e ricoperte di zucchero a velo. Dolce molto amato dai bambini, proprio per l’intenso sapore dolce dello zucchero e la divertente tendenza a scrocchiare sotto i denti, le chiacchiere sono spesso abbinate al sanguinaccio, un composto di burro e cioccolato che, in tempi antichi, veniva preparato ricorrendo anche al sangue di maiale (da cui il nome). Le più recenti direttive in materia di salute e igiene hanno poi vietato questa pratica. L’abbinamento? A piatto dolce si abbina vino dolce! Data la delicata consistenza delle chiacchiere, consigliamo un vino liquoroso o un passito.

Il Migliaccio – Altra ricetta tipica del Sud Italia, il migliaccio è una semplice e gustosa torta a base di semolino, lasciato cuocere lentamente in latte e burro, e poi amalgamato con uova, zucchero e ricotta. Un contrasto dolce-salato che ricorda, per certi versi, quello della più famosa – e ricca – pastiera napoletana. Anche in questo caso sarà bene abbinare un vino dolce, un passito o un vino liquoroso. In alternativa potete provare gli infusi tipici della tradizione italiana, come il limoncello o il nocino.

La schiacciata alla fiorentina – Risaliamo la penisola e raggiungiamo la Toscana. È qui che troviamo la schiacciata tipica del capoluogo, la meravigliosa Firenze. Una torta che nasce dalla tradizionale cucina povera italiana, impastata con uova, farina, zucchero, latte, olio extravergine d’oliva e arance. Oggi, come complemento all’antica ricetta, si può trovare anche ripiena, con cacao o crema chantilly, per renderla più morbida e cremosa. L’abbinamento è presto detto: un classico regionale, quello col Vinsanto del Chianti, che ammorbidisce la consistenza della schiacciata classica, rendendola piacevolmente liquorosa.