Il Natale in una bollicina

Il Natale in una bollicina

705
SHARE

Non c’è festa senza una bottiglia da stappare. E il Natale non fa eccezione. La tavola imbandita, ricca di piatti della tradizione dicembrina, non può dirsi tale senza un vino che accompagni i vostri manicaretti. Siano essi rossi, per il pranzo del 25, o bianchi, tendenzialmente più utilizzati durante il cenone della Vigilia, l’importante è bere bene e con gusto. Di consigli in questo senso ne abbiamo spesi parecchi. Ora è il momento di fare un passo in più e proporre abbinamenti originali: le bollicine.

Se pensate che lo spumante sia buono solo per il brindisi di mezzanotte o per un fresco aperitivo estivo, siamo pronti a farvi cambiare idea. Partiamo proprio dalle entrée: il giorno di Natale è raro cucinare il pesce; ma frequenti sono i formaggi, con i quali vi consigliamo di abbinare un Carpineto Brut: spumante elegante, raffinato, dai marcati sentori di frutta fresca e crosta di pane. Proprio quest’ultimo elemento lo renderà un compagno di viaggio sorprendente per i vostri formaggi, in special modo quelli freschi o di media stagionatura.

Sui primi possiamo allargare ancora di più l’orizzonte. Un Carpineto Rosé, con la sua bella carica olfattiva di frutti rossi e la sua marcata sapidità, può sostenere anche piatti di pasta di buona struttura conditi con sughi di carne. Particolarmente felice, d’altra parte, è la scelta di controbilanciare la dolcezza tipica del pomodoro – base di gran parte delle salse per condire i primi – con la sapidità del Rosé. Un abbinamento tutto da provare per stupire gli ospiti, e persino voi stessi.

E per i secondi? Qui possiamo aprire una bottiglia che davvero si può definire d’eccezione. Il Farnito Brut, spumante di struttura imponente, dal bouquet aromatico intensamente speziato, riesce a sostenere formaggi e piatti a base di carni bianche, dal vitello al maiale. Una bollicina con cui potete autenticamente sbizzarrirvi, tenendo conto della sua fine persistenza all’olfatto e al palato, che bilancerà perfettamente pietanze anche molto condite.

Infine i dolci. L’abbinamento più diretto è quello con uno spumante di identica dolcezza. In gastronomia, infatti, si dice spesso che gli abbinamenti a tutto pasto vanno fatti per contrapposizione (piatto tendente al dolce, vino tendente al sapido, ad esempio); sul fine pasto, invece, gli abbinamenti sono per corrispondenza: al dolce si abbina il dolce, poiché le nostre papille gustative, stimolate dallo zucchero, rigetterebbero quasi con disgusto un vino dalla spiccata sapidità o con un retrogusto amarognolo. La scelta dello spumante Dolce è quindi quella più azzeccata, almeno per quanto concerne le bollicine. Se volete stupire, potete rivolgervi invece a un vino rosso particolarmente invecchiato (come gli Appodiati di Carpineto) con tutto il suo carico olfattivo di confettura di frutti rossi.

PRODOTTI CORRELATI

Spumante Brut
8.24€

Spumante Brut Rosè
8.24€

Farnito Brut
14.56€

Spumante Dolce
8.24€