L’arte di fare il vino. L’ultimo giorno

L’arte di fare il vino. L’ultimo giorno

1558
SHARE

Il mio socio ed io, già da quando eravamo ragazzini, avevamo coltivato l’idea di mettere insieme le denominazioni toscane più importanti”. E l’idea si è concretizzata. Infatti Carpineto, insieme ad altri pregiati vini, produce Chianti Classico, Vino Nobile di Montepulciano e Brunello di Montalcino. Tre grandi DOCG per tre dei vini più famosi al mondo.

Ma questo cosa comporta per l’azienda? Ci ha risposto proprio Zaccheo, prima che lo salutassimo a Montalcino: “Per la legge tipica delle DOCG, il vino deve essere: prodotto, vinificato, invecchiato e imbottigliato nelle zone di produzione”.

Gabriele IanettPerfetto. Cosa accade, quindi, una volta che l’uva viene vendemmiata? Per trovare risposte e capire come nascono questi vini, ci spostiamo nella tenuta di Dudda, frazione di Greve in Chianti e cuore del Chianti Classico, per incontrare Gabriele Ianett, enologo di Carpineto.

L’uva vendemmiata viene portata in cantina e poi viene deraspata…ovvero si va a separare il raspo dall’acino. Gli acini – continua Ianett – vengono schiacciati e trasportati all’interno della vasca di vinificazione”.

L’odore che ci avvolge è quello tipico della cantina: forte e vivo. Ed è col profumo del mosto nell’aria che continuiamo ad ascoltare Gabriele: “per trasformare il mosto – per l’appunto – in vino, andiamo ad aggiungere dei lieviti selezionati, che vengono poi moltiplicati; per la loro conservazione vengono disidratati e prima di riaggiungerli nella vasca, nella massa da fermentare, dobbiamo andare a costituire quello che si chiama il “piede di partenza”.

In pratica si vanno a reidratare questi lieviti, si fanno moltiplicare, dopodiché vengono aggiunti dei nutrienti insieme a dell’acqua tiepida che permette al lievito di riprodursi.

Andiamo ad aggiungere del mosto, un’altra volta, creando una massa di diversi ettolitri di miliardi e miliardi di cellule di lievito molto attive, che poi andiamo ad aggiungere all’interno della vasca; queste andranno a fermentare (e trasformare lo zucchero dell’uva in alcol) e quindi a trasformare il nostro mosto in vino”.

IMG_0356Ascoltare Gabriele che, con semplicità e competenza, ci spiega come nasce il vino è molto interessante. Vedere in azione lui e i suoi collaboratori è invece una vera esperienza. La vista e l’olfatto giocano un ruolo fondamentale nell’universo vino sin dalla nascita del prodotto: il mosto che scende rapido dal rubinetto verso la tinozza, i suoi schizzi e, soprattutto, quel suo profumo fresco e intenso che già ci dà un’indicazione su quella che potrebbe essere la qualità del vino che ne verrà fuori.

La manualità nel mescolare con una frusta i nutrienti, come uno chef che prepara il suo impasto, ci riporta all’artigianalità del winemaking: anche l’enologo per ottenere il risultato che vuole, quello perfetto, deve sporcarsi le mani, oltre ad essere molto attento e preparato in laboratorio.

Il mosto ha bisogno di riposare prima che ne venga aggiunto altro nella tinozza, allora ne approfitto per chiedere a Gabriele quali devono essere le caratteristiche di un vino per poterlo definire “buono” e come il marchio di qualità influisca in tal senso: “Quando si parla di qualità di un vino, in generale, si può parlare di una qualità oggettiva, che è legata a determinati parametri “chimici”, spesso ben definiti all’interno di un disciplinare, ovvero: di gradazione alcolica, estratto secco del vino, di colore e così via…”.

E ovviamente il suo discorso continua con la qualità soggettiva perché il vino è pur sempre un’esperienza del tutto personale che può essere piacevole o meno.

Quella del nostro viaggio lo è stata di sicuro! Essere immersi fisicamente nella vendemmia ci ha permesso di scoprire cose nuove e affascinanti su questa fase che fondamentale è  dire poco, di vedere luoghi magnifici, di capire il legame viscerale del prodotto finito col suo territorio, di comprendere il lavoro di un’azienda vinicola di livello internazionale e di conoscere persone che dedicano da una vita tutta la propria professionalità, esperienza e passione a un mondo, quello del vino, che ci regala sempre, anno dopo anno, nuove ed intense emozioni.

Grazie per averci accompagnato in questa avventura! Alla prossima, sempre al nostro fianco – Let It Wine

GALLERY

[Best_Wordpress_Gallery id=”9″ gal_title=”Larte di fare il vino”]