Vino e Cinema. Ci “casca” anche Francis Ford Coppola

Vino e Cinema. Ci “casca” anche Francis Ford Coppola

772
SHARE

Quello tra vino e cinema è un connubio di cui abbiamo parlato già diverse volte: la magia della vigna, il fascino della vendemmia, l’estasi del vino hanno conquistato tanti artisti della macchina da presa, ispirando scene iconiche, dando il là a interi film e a un piccolo sottogenere perfettamente esemplificato da “The Duel of Wine” di Nicolas Carreras con protagonista l’eccentrico sommelier, Charlie Arturaola, e la grande Italia del vino.

Ma c’è almeno un caso in cui il feeling tra il genio cinematografico e il vino è andato al di là del grande schermo per diventare una passione concreta. È quello che è accaduto a Francis Ford Coppola che dell’uva e del suo nettare non ha voluto fare solo una musa, ma un vero e proprio “mestiere”. Per scoprire l’origine di questa passione bisogna tornare indietro al 1975, quando Coppola acquisto un vigneto della Napa Valey e iniziò la sua personale produzione di vino.

Un percorso certamente in salita: vent’anni per rimettere in piedi la proprietà, dalle vigne alle cantine, costruendo un vero e proprio agriturismo a tema (la Francis Ford Coppola Winery con tanto di mini-museo della sua carriera cinematografica) e arrivando a produrre un vino di altissima qualità, con tanto di certificazione biologica e prezzi vantaggiosi alla vendita. Un vino di successo, insomma, tanto che è stato selezionato per essere servito in occasione dei tanti eventi legati al Sundance Film Festival, la più importante rassegna mondiale di cinema indipendente.

E come se non bastasse, il vino di Coppola ha conquistato anche gli Oscar, ottenendo, così un riconoscimento anche più mainstream, da parte di quegli Academy che già hanno premiato il regista con 5 statuette e che ora hanno scelto il suo vino anche per tutti gli eventi che ruotano attorno alla cerimonia più prestigiosa da qui fino al 2019.

“Regia e produzione di vino sono le mie grandi passioni” ha ammesso Coppola in un’intervista… Di sicuro potrà dire di aver raggiunto le massime vette in entrambi i settori.